Primi Piatti, tematico

Tagliatelle ai sapori di mare

Per tutti gli appassionati del , del e della pasta all’uovo … a voi una ricetta tradizionale sempre molto apprezzata, un vero e proprio…capriccio mediterraneo.

resized_tagliatelle

Ingredienti per 4 persone

400 gr di

800 gr di vongole freschissime

400 gr di

2 gambi di sedano

un ciuffo di prezzemolo

3 pomodori maturi

3 spicchi d’aglio

mezzo bichiere di vino bianco secco

olio extravergine

sale

peperoncino fresco

Procedimento

–          Lavate bene sotto l’acqua corrente le vongole e lasciarle riposare in una bacinella con acqua salata per una mezz’ora , cosi’ espelleranno la sabbiolina che a volte contengono.

–          Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta nel frattempo.

–          Pulite e lavate bene i gamberi

–          Adesso preparate il soffrittino. Pelate gli spicchi d’aglio, lavate e tritate finemente il prezzemolo insieme al peperoncino e ai gambi di sedano, poi fateli dolcemente soffriggere in una larga padella con  6 cucchiai d’olio. Attenzione a non far bruciare l’aglio!

–          -Unite le vongole scolate e ben risciacquate, aspettate che si aprano in padella, unite i gamberi e mescolate bene con un cucchiaio di legno.

–          Irrorate il tutto con il vino e una volta sfumato aggiungete i pomodori tagliati a cubetti, condite con una presa di sale e cuocete per circa 15 minuti a fuoco lento.

–          Intanto le tagliatelle saranno cotte! Scolatele e incorporatele al sugo , lasciando qualche cucchiaio di acqua di cottura che vi servirà alla fine per far saltare la pasta in pentola.

–          Spolverizzate col prezzemolo fresco tritato e servite .

La mamma consiglia:

Lasciate che il sugo rimanga abbastanza liquido, le tagliatelle, infatti, ne assorbono moltissimo. Ovviamente, sono preferibili frutti di mare freschi, ma anche usando quelli congelati si può ottenere un piatto … al profumo di mare. Portate a tavola le vostre tagliatelle con il pesce con dei vini bianchi secchi e profumati come il Pecorino di Offida,  o una più vivace bottiglia di Falanghina.

,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *