Secondi Piatti

SECONDI PIATTI – “ARROSTO DI TACCHINO FARCITO ALLE CASTAGNE”

Il tacchino, bianca, economica che si presta bene a diversi tipi di cottura, anche in , ho reso particolarmente sfizioso e allo stesso tempo delicato il coscio, farcito con castagne e carciofi, spendendo poco si ottiene un piatto sontuoso, degno del PRANZO DI NATALE

safe_image

resized_PB270012picasa

INGREDIENTI

  • un coscio di tacchino circa 1,500 gr
  • 3 carciofi
  • 3 spicchi d’aglio
  • la polpa 300 gr di castagne arrostite e frullate
  • 1 salsiccia
  • 1 limone
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di pane grattugiato
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale e pepe
  • dei rametti di rosmarino
  • olio extravergine
  • 1 bicchiere di
  • dello spago da cucina

PROCEDIMENTO

Per il ripieno

Prepariamo le castagne arrostendole in forno e poi frullandone la polpa.

Mondiamo i carciofi delle foglie dure, tagliamoli a spicchietti e lasciamoli in acqua e limone per una mezz’ora, dopo di che mettiamoli a stufare in una padella con: 2 cucchiai di olio, 1 spicchio d’aglio schiacciato e la salsiccia sbriciolata.
Facciamo cuocere per circa 10 minuti aggiungendo un paio di cucchiai di vino.

Prendiamo una terrina e prepariamo la farcitura del coscio incorporando il composto di carciofi e salsiccia, la polpa di castagne, le uova, il parmigiano grattugiato, il pane grattugiato, il sale il pepe e l’aglio tritato finissimo.
Farciamo con questo ripieno il coscio, che avremo fatto disossare e aprire ben bene dal nostro macellaio. Ma prima di riempirlo saliamolo e mettiamogli anche una spolveratina di pepe all’interno.

Distribuiamo bene la farcitura e arrotoliamo la carne, leghiamola ben stretta mettendo in mezzo allo spago dei rametti di rosmarino.

Accendiamo il forno, scaldiamolo bene a 220°.

Sistemiamo il nostro coscio ben legato in una teglia, saliamolo, irroriamolo col vino e l’olio, spolveriamolo di pepe e infine inforniamolo per circa 1 ora, girandolo a metà cottura e bagnandolo col suo .

Estraiamolo e facciamolo un pò freddare prima di slegarlo ed affettarlo.

Portiamolo in tavola, distribuendo sulle fette il sughetto ottenuto dalla cottura .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>